New York, by Carlo Bordini.

 

Life is association
death is dissociation
separation of mineral salts
in the solitude of an orchard
separation scission skimming
chemical cleavage,
nothing is more alien than chemistry
nothing is more far-removed than chemistry
Death is randomness indifference
detached elements,
what in life is self-contained, connected
harmonically designed to an end
is randomness in death. The gelid
coldness of d
eath

death is
bureaucratically absent

skyscrapers are monuments of power
The film only tells about the dead about the machine-dead
still living
Human machines are better
than machine-humans

He was incurvated by
arthritis, totally hunched;
living in a dark flat,
in no luxury, a monastic life.
I told him I wanted to see Weber’s
Oberon, he sat at the piano
and played it by heart, making all the voices.

She was
resurrected!

Everyone was resurrected!

I wanted to see New York
Instead I saw the Cities in the world

Cities in the world

traveling traveling

Flying geese

striking is the forest amidst the skyscrapers

skyscrapers are Mondrian’s canvases
it is all so abstract but what
are those little ants
doing down there
why those dirty little ants
walking through Mondrians pictures

how glowing the bars are

How beautiful is the greenhouse!
beautiful are the scrap metal statues
statues with which children can
play
but how ill-dressed are those little ants
[the black neighborhoods]

these marvelous very long bridges
there are even
sunsets
rome of the twentieth
century

Experimenting I took for several days four drams of good quinine. At first my feet, then the edges of my toes, chilled, and I felt a bit tired and sleepy; my heart began pounding faster, my pulse hardened and raced. Then, an intolerable uneasiness along with trembling gnawed me. I felt all my limbs aching, the veins in my head throbbing, my cheeks flushing, thirst. Sometimes such a paroxism lasted from two to three hours, then to vanish. I stopped taking quinine: everything vanished; and I recovered in a few.

that displays weakness of the mind, amnesia, that laughs and cries easily, for no reason, that does not remember cast of features, names, dates, events and places, that is unable to make mathematical calculations. Such a patient [He] is melancholic, is afraid to go insane, he’s indifferent to everything. He fears the night and the morning, as his suffering is greater. He seems a different person to himself. He disregards his own business.
He is afraif of darkness, of death, of becoming insane, of killing someone; he suffers from sense of guilt.

Ambra grisea
Apis mellifica
Aranea diadema
Astacus fluviatilis
Asterias rubens
Cantharis
Castor equi
Castoreum
Coccus cacti
Corallium rubrum
Crotalus horridus
Formica rufa
Lac caninum
Làchesis lanceolatus
Làchesis mutus
Latrodectus mactans
Moschus
Murex purpurea
Mygale avicularis
Naja tripudians
Tarentula cubensis
Tarentula hispana
Vipera

Fear of losing the mind: Aconitum, Actaea racemosa, Alumina, Argentum nitricum, Calcarea carbonica, Iodum, Kalium bromatum, Lac caninum, Lilium tigrinum, Luesinum, Mancinella

States of anxiety: Apis, Argentum nitricum, Arsenicum, Belladonna, Bryonia, Chamomilla.

Horrible states: Argentum nitricum, Aurum, Belladonna, Cactus

Dream-filled states: Alumina, Bromum, Conium

Winter: Aurum, Ferrum metallicum, Hepar sulfuris, Ipeca,

Fall: Quinine, Dulcamara, Mercurius

Lunar phases

– new moon: Alumina, Causticum, Clematis erecta

Hot weather: Aconitum, Aethusa

Cold and windy weather: Aconitum, Aurum triphillum, Chamomilla,

Cold and dump weather: Ammonium carbonicum

Narcotics:

Belladonna, Chamomilla, Coffea, Làchesis, Nux vomica, Thuja.

. Night: Aconitum, Arsenicum, Chamomilla.

 

Translated from the Italian of Carlo Bordini by Franz Caruso.

 

NEW YORK

La vita è associazione
la morte è dissociazione
separazione di sali minerali,
nella solitudine di un orto ,?
separazione scissione scremazione
divisione chimica,
nulla è più alieno della chimica
nulla è più distante della chimica
La morte è casualità indifferenza,
elementi staccati,
ciò che nella vita è conchiuso, collegato,
armonicamente costruito a un fine
nella morte è casualità. La freddezza
algida della m
orte

La morte è
burocraticamente assente

I grattaceli sono i monumenti del potere
Il film parla solo di morti di morti-macchine
che vivono ancora
Le macchine umane sono meglio
degli uomini-macchina.

Era piegato dall’
artrite, completamente curvo;
viveva in un appartamento buio,
senza lussi, una vita monacale.
Gli dissi che volevo vedere l’Oberon
di Weber, lui si mise al piano
e lo suonò a memoria, con tutte le voci.

Era
risuscitata!

Erano tutti risuscitati!

Volevo vedere New York
invece ho guardato Le Città nel mondo

Città nel mondo

Viaggiare viaggiare

Le oche che volano

è impressionante la foresta in mezzo ai grattacieli

I grattacieli sono tele di Mondrian
è tutto molto astratto ma cosa
ci fanno quelle formiche là in mezzo
quelle formichine
perché quelle formichine sporche
che camminano tra i quadri di Mondrian

Come sono rutilanti i bar

Che bella la serra.
belle le statue fatte con rifiuti metallici
statue con cui anche i bambini possono
giocare
ma come camminano quelle formichine vestite male
[i quartieri negri]

questi meravigliosi ponti lunghissimi
ci sono anche i
tramonti
la roma del ventesimo
secolo

Io presi a titolo d’esperimento, per più giorni, quattro dracme di buona china. Dapprima i miei piedi, le estremità delle dita, si raffreddarono, ed io avvertii della stanchezza e della sonnolenza; il cuore iniziò a battere forte, il polso divenne duro e accelerato; poi fui preso da un’inquietudine intollerabile e da tremiti; provai una dolenzia in tutte le membra, pulsazioni al capo, rossore alle guance, sete. Questo parossismo durava qualche volta da due a tre ore, e si dileguava. Io cessai di prendere la china: tutto dileguò; e mi ristabilii in poco tempo.

che presenta debolezza mentale, amnesia, che ride e piange facilmente senza causa, che non ricorda le fisionomie, i nomi, le date, gli eventi e i luoghi, che non può compiere calcoli aritmetici. Questo paziente [Costui] è melanconico, ha paura d’impazzire, è indifferente per tutto. Paventa la notte e il mattino, essendo in questi periodi peggiori le sue sofferenze. Gli sembra di non esser lui, è incurante dei propri affari.
Ha paura del buio, della morte, di diventar pazzo, di uccidere qualcuno; soffre di senso di colpa.

Ambra grisea
Apis mellifica
Aranea diadema
Astacus fluviatilis
Asterias rubens
Cantharis
Castor equi
Castoreum
Coccus cacti
Corallium rubrum
Crotalus horridus
Formica rufa
Lac caninum
Làchesis lanceolatus
Làchesis mutus
Latrodectus mactans
Moschus
Murex purpurea
Mygale avicularis
Naja tripudians
Tarentula cubensis
Tarentula hispana
Vipera

Paura di perdere la ragione: Aconitum, Actaea racemosa, Alumina, Argentum nitricum, Calcarea carbonica, Iodum, Kalium bromatum, Lac caninum, Lilium tigrinum, Luesinum, Mancinella

Stati ansiosi: Apis, Argentum nitricum, Arsenicum, Belladonna, Bryonia, Chamomilla.

Stati orribili: Argentum nitricum, Aurum, Belladonna, Cactus

Stati pieni di sogni: Alumina, Bromum, Conium

Inverno: Aurum, Ferrum metallicum, Hepar sulfuris, Ipeca,

Autunno: China, Dulcamara, Mercurius

Fasi lunari

– novilunio: Alumina, Causticum, Clematis erecta

Tempo caldo: Aconitum, Aethusa

Tempo freddo ventoso: Aconitum, Aurum triphillum, Chamomilla,

Tempo freddo umido: Ammonium carbonicum

Narcotici:

Belladonna, Chamomilla, Coffea, Làchesis, Nux vomica, Thuja.

. Notte: Aconitum, Arsenicum, Chamomilla.

 

Poesia inedita in italiano.