Inhuman rights, by Carlo Bordini.

 

 

Men are born gregarious and divided into classes. Gregariousness is to be encouraged and stimulated to maintain the equilibrium of society.

All men must be encouraged to cultivate hysteria and xenophobia so as to maintain the gregarious structure of society and the cohesion of classes, nations, stations, genders, which alone can ensure a balanced development of human society.

Men have therefore the right to be:

– deceived
– beaten
– killed
– persecuted
– poisoned
– exploited
– incited one against the other

independently of their nationality, religion, race, or color, as long as this is part of a plan of socialization and aggregation of the human consortium.

All men have the right to stay alive as well as to freedom and personal security, compatibly with the requirements of socialization and aggregation of the human consortium and with the requirements of the economy and politics of each country.

No one may be detained or exiled without a valid justification (see preceding point).

All men have the right to entertain their own illusions, and to escape reality in ideological, religious, electronic, hedonistic, pornographic etc ways, as long as these methods are considered legitimate by the community to which they belong. Men have the right to have leaders and recognized chiefs.

Given that all men have the right to entertain their own illusions, no one may be persecuted for their own illusions, except for reasons of proven force majeure. In cases in which it becomes necessary, for the well-being of the human consortium, to destroy the illusions belonging to individuals or categories of individuals, those responsible for said destruction are required to rebuild new illusions for the above-mentioned individuals and above-mentioned categories.

Men have the right to go mad, to slit the throat of their fellow men, as long as this is justified in terms of human cohabitation and of equilibrium.

Every man has the right, if he has the possibility, to follow his own favorite television programs and, within the confines of his material possibilities, to use his free time as he wishes, to spend his vacations as he prefers, and to dedicate himself to the hobbies that seem to him most suited to his own personality.

Men have furthermore the right to exploit and starve their fellow men, if they prove themselves fit to do so and they have the capacity for it, and if theirs is not an ephemeral action but one that is grounded and capable of relating to others in the framework of the human consortium.

Men are united in factions that are in conflict with one another and they have the right to belong to them. Every man has the right to belong to a faction, an ethnic group, a religion, and to hate those who are not a part of them.

Men have the right to oppress their wives and their children, (for example: to mutilate their own daughters) as long as this is not done arbitrarily but on the basis of principles recognized by society.

Men have the right to engage in wars, as long as:
1. these be justified.
2. they possess the means and possibility to do so.

They may also kill animals, poison territories, cause desertification of regions, as long as this is done in the framework of rules agreed upon by the human consortium and does not prevent other men or other groups of men from pursuing the same activities.

they may betray, but at their own risk: the act of treason, should it not be successful, will not be recognized as justified, and will therefore be punished.

they may falsify history, as long as they have the power to do so lastingly.

They may keep other men as slaves, as long as this does not occur in disagreement with other factions or groups that keep other men enslaved.

They may spread fanatical ideas.

They may create religions and beliefs, and, if this does not disturb the equilibrium of the human consortium, they may fight against religions and beliefs.

they may pretend to help each other and to help humankind.

They may steal, as long as it does not prevent other men or groups of men from doing the same.

they may torture, even if such an action entails the need to be justified by ideologies, states of force majeure, religious motives or states of emergency, well-grounded requirements for the maintenance of public order, or, in any event, by higher motives.

all men may therefore torture their fellow men, as long as this is justified by circumstance, ideology, or common conviction.

Men have the right to kill their fellow men, as long as circumstances allow it (maintenance of order, wars, revolutions, police patrols, ethnic conflicts), or it is justified by the goals of human happiness or by religious or ethical considerations.

In cases in which actions of collective or individual butchery prove to be particularly suited to the spiritual needs of society and the moment, the men who have taken part in these butcheries may be considered as heroes or saints; their victims, however, have an equal right to be considered martyrs of the massacred side.

Men, in the face of the horrors that armed conflicts and conflicts of interest entail, have the right to maintain their mental health. They may therefore:

remove the consequences of their own actions;
consider their own iniquity as inevitable;
think they are in the right;
think they are acting for the good of humanity;
think that evil is in any event inevitable;
consider human beings, within the context of living beings, as the only ones entitled to have rights.

All men have the right to have good feelings.

 

Translated by Nail Chiodo. Original text published by Luca Sossella.

 

I DIRITTI INUMANI

 

Gli uomini nascono gregari e divisi in classi. Il gregarismo va incoraggiato e stimolato per mantenere l’equilibrio della società.

Tutti gli uomini devono essere incoraggiati a coltivare l’isterismo e la xenofobia per mantenere la struttura gregaria della società e la coesione delle classi, delle nazioni, dei ceti, dei generi, che soli possono assicurare uno sviluppo equilibrato della società umana.

Gli uomini hanno quindi il diritto di essere:

– ingannati
– picchiati
– uccisi
– perseguitati
– avvelenati
– sfruttati
– aizzati gli uni contro gli altri

indipendentemente dalla loro nazionalità, religione, razza o colore, purché questo rientri in un piano di socializzazione e di aggregazione del consorzio umano.

Tutti gli uomini hanno il diritto al mantenimento della vita e alla libertà e alla sicurezza personale, compatibilmente con le esigenze di socializzazione e di aggregazione del consorzio umano e con le esigenze dell’economia e della politica di ogni paese.

Nessuno può essere detenuto o esiliato senza una valida giustificazione (vedi punto precedente).

Tutti gli uomini hanno il diritto a coltivare le proprie illusioni, e ad evadere dalla realtà in modi ideologici, religiosi, elettronici, edonistici, pornografici, ecc., purché questi metodi siano considerati leciti dalla loro comunità di appartenenza. Gli uomini hanno diritto ad avere dei leaders e dei capi riconosciuti.

Poiché tutti gli uomini hanno il diritto a coltivare le proprie illusioni, nessuno può essere perseguitato per le proprie illusioni, tranne che per cause di comprovata forza maggiore. Nel caso si renda necessario, per il benessere del consorzio umano, distruggere le illusioni appartenenti a individui o a categorie di individui, i responsabili di questa distruzione sono tenuti a ricostruire nuove illusioni per i suddetti individui e le suddette categorie.

Gli uomini hanno il diritto di impazzire, di sgozzare i propri simili, purché questo sia giustificato in termini di convivenza umana e di equilibrio.

Ogni uomo ha il diritto, se ne ha la possibilità, di seguire i propri programmi televisivi preferiti e, nell’ambito delle sue possibilità materiali, di impiegare come vuole il proprio tempo libero, di trascorrere come preferisce le proprie vacanze e di dedicarsi agli hobby che gli sembrano più confacenti alla propria personalità.

Gli uomini hanno inoltre il diritto di sfruttare ed affamare i propri simili, se se ne dimostrano degni e se ne hanno le capacità e se la loro non è un’azione effimera ma fondata e capace di mettersi in relazione con altri nell’ambito del consorzio umano.

Gli uomini sono riuniti in fazioni in conflitto fra loro e hanno diritto di appartenervi. Ciascun uomo ha diritto di appartenere a una fazione, a un’etnia, a una religione, e ad odiare coloro che non vi fanno parte.

Gli uomini hanno diritto ad opprimere le loro mogli e i loro figli, (per esempio: a mutilare le proprie figlie) purché ciò non sia arbitrario ma sia basato su principi riconosciuti dalla società.

Gli uomini hanno diritto a condurre guerre, purché:
1. queste siano giustificate.
2. ne abbiano i mezzi e le possibilità.

Possono uccidere animali, avvelenare territori, desertificare regioni, purché questo sia fatto nel’ambito delle regole convenute dal consorzio umano e non impedisca ad altri uomini e ad altri gruppi di uomini di perseguire le stesse attività.

possono tradire, ma a proprio rischio e pericolo: il tradimento, se non avrà successo, non sarà riconosciuto come giustificato, e sarà quindi perseguitato.

possono falsificare la storia, purché abbiano la forza per farlo durevolmente.

Possono tenere schiavi altri uomini, purché questo non avvenga in disaccordo con altre fazioni o gruppi che tengano schiavi altri uomini.

Possono diffondere idee fanatiche.

Possono creare religioni e credenze, e, se questo non turba l’equilibrio del consorzio umano, possono combattere religioni e credenze.

possono fingere di aiutarsi e di aiutare il genere umano.

Possono rubare, purché questo non impedisca ad altri uomini o gruppi di uomini di fare lo stesso.

possono torturare, anche se tale azione comporta la necessità di essere giustificata con ideologie, con stati di forza maggiore, con motivi religiosi o stati di emergenza, con esigenze fondate di mantenimento dell’ordine pubblico o, comunque, con motivi più elevati.

tutti gli uomini possono quindi torturare i propri simili, purché questo sia giustificato dalle circostanze, dall’ideologia o dal convincimento comune.

Gli uomini hanno il diritto a uccidere i propri simili, purché ciò sia consentito dalle circostanze (mantenimento dell’ordine, guerre, rivoluzioni, pattugliamenti di polizia, conflitti etnici), o giustificato dagli obiettivi della felicità umana o da considerazioni religiose od etiche.

Nei casi in cui azioni di macellazione collettiva o individuale si rivelino particolarmente confacenti ai bisogni spirituali della società e del momento, gli uomini che hanno preso parte a tali macellazioni possono essere considerati come eroi o santi; le loro vittime, però, hanno pari diritto ad essere considerate martiri della parte massacrata.

Gli uomini, di fronte agli orrori che i conflitti armati e i conflitti di interesse comportano, hanno diritto a mantenere la loro sanità mentale. Essi possono quindi:

rimuovere le conseguenze delle proprie azioni;
considerare inevitabile la propria iniquità;
pensare di essere nel giusto;
pensare di agire per il bene dell’umanità;
pensare che il male sia comunque inevitabile;
considerare gli esseri umani, nell’ambito degli esseri viventi, come gli unici titolari di diritti.

Tutti gli uomini hanno il diritto di provare buoni sentimenti.

 

Tratto da Carlo Bordini, I costruttori di vulcani, Luca Sossella, Bologna, 2010.